La mia “scimmia” per gli auricolari ormai è cosa certa.

Dopo la maxi delusione delle Samsung Icon X (https://steelifestyle.it/samsung-gear-icon-x-2018/), va bene gli “auricolaretti” da 20 / 30 / 40 € ma ad un certo punto mi torna l’esigenza di un paio di auricolari “seri” e per seri intendo il poter controllare lo skip dei brani, il tornare indietro, l’aumentare e abbassare il volume, assistente vocale ecc… .

Stando a tutte le recensioni dei vari blog, sembrava che queste Huawei FreeBuds Pro fossero le non plus ultra degli auricolari In Ear per Android e… onestamente, trovo poco professionale non considerare che in un prodotto da 179 € (lasciamo perdere la cagata che ho fatto io di come e chi mi ha convinto a prenderle a 239) non ci siano i cuscinetti (o gommini, come preferite) da comprare a parte per orecchie più (stronze) piccole come le mie. Infatti, a me, l’auricolare sinistro non sta dentro e questa cosa mi fa incazzare come un cinghiale che carica il cacciatore che se lo vuole fare ragù! Ho fatto la cazzata di comprare dei gommini “standard” senza vedere che l’attacco è OVALE tipo quello delle AirPods PRO di Apple. Ho provato a comprare i cuscinetti di ricambio per AirPods Pro ma l’attacco non è nemmeno quello e per le Huawei FreeBuds Pro non c’è verso di trovarne.

Sta di fatto che mi ritrovo un paio di costosissimi auricolari di cui non me ne faccio una sega.

Se tengo su la cuffia riesco a tenerle dentro ma cosa vuol dire? Me le posso mettere solo quando esco e d’inverno?

Vabbè per quel poco che le ho potute provare, bisogna scaricare il software AI Life dalla AppGallery di Huawei (si da li perché dal PlayStore avrete una versione obsoleta).

C’è la cancellazione del rumore, la possibilità di sentire ciò che vi circonda (tenendo su entrambi gli auricolari) e un equalizzatore con dei preset.

Purtroppo il mio (sempre lui) auricolare sinistro quando attivo la cancellazione del rumore o attivo il suono ambientale, fruscia… si è proprio stronzo. Sembra che abbia una sorta di “iper sensibilità”, effetto come se qualcuno ci soffiasse sopra. Sarà difettato ma alla fine tra tutto, andassero anche a fare in bagno (per essere meno volgare).

Ha l’assistente vocale ma trovo scomodo il controllo dall’asticella, bisogna sfiorare con due dita ai lati. Avrei preferito un altro metodo ma vabbè… c’è anche da dire che si possono usare le gesture, cioè in base ai movimenti della testa attivi determinati controlli…ma io non li ho mai provati, anche perché se ci provo mi cadono fuori.

La mia valutazione? beh, il prodotto di per sé è sicuramente valido a livello audio e anche in chiamata l’interlocutore mi sente molto bene, quasi non si capisce che non sono col telefono all’orecchio. Ma sta cosa che non mi stanno nelle orecchie e i ricambi non si trovano… per me sono bocciati, di sicuro non li ricomprerei. Un fanculo è d’obbligo.

Ok, take care!

Lascia un commento